Il Castello di Malcesine: fascino senza tempo

Parliamo di

Il Castello di Malcesine è sicuramente il monumento più rappresentativo di questo bel borgo affacciato sul Lago di Garda.

Arrivando qui, sia per terra che per mare, lo si nota già in lontananza: svettante con la sua torre smerlata, posto in cima ad una rocca da cui lo sguardo può dominare l’intero orizzonte… la regalità del Castello Scaligero accoglie i visitatori con la sua intatta bellezza.

Il Castello Scaligero si può raggiungere facilmente ed in breve tempo a piedi dal centro di Malcesine, attraversando le caratteristiche vie del borgo.

Visitare un castello non è una semplice passeggiata tra ciò che resta di un vecchio luogo. Ma è un viaggio nel tempo, un’immersione nella storia che ha reso grande una famiglia, una casata, un borgo, un paese intero.

Il castello medievale di Malcesine è stato costruito oltre 700 anni fa e, da tutti questi secoli, colmi di vicissitudini e avvenimenti, riempie gli occhi dei viaggiatori che restano ammaliati da questo borgo incantevole.

La posizione privilegiata del Castello Scaligero di Malcesine, abbarbicato su uno sperone di roccia sulla sponda del lago di Garda, riesce ancora, dopo secoli, a farci sentire in cima al mondo.

Il Castello Scaligero: un po’ di storia

La storia del Castello di Malcesine iniziò, secondo gli studiosi, già in epoca Longobarda, per poi passare nel corso dei secoli nelle mani di Franchi, Scaligeri, Veneziani, Visconti, Francesi ed Austriaci.

La casata che più ha contraddistinto la storia di questa splendida fortezza è stata certamente quella veronese degli Scaligeri, i quali lo hanno riedificato nel 1300 donandogli l’aspetto che ancora oggi possiamo ammirare.

Una curiosità: le merlature a coda di rondine della Torre, infatti, identificano lo stile scaligero per eccellenza, che potete ritrovare anche in molti palazzi storici del centro di Verona.

Nel 1902 il Castello Scaligero è stato dichiarato monumento nazionale italiano.

La rocca di Malcesine è davvero un luogo indimenticabile e regala delle meravigliose vedute sul paesaggio suggestivo del lago di Garda e sul romantico borgo.

Vi consigliamo in particolar modo di salire sulla torre del Castello o uscire sulla terrazza del Rivellino, che si trova proprio al di sotto della Torre e svela un panorama a 360 gradi.

Goethe e il Castello di Malcesine

Il Castello di Malcesine è un luogo che ha affascinato migliaia di viaggiatori nel corso degli anni.

Il più famoso, colui che ha saputo apprezzare e raccontare ai suoi contemporanei la magica bellezza di questo luogo, fu lo scrittore tedesco Johann Wolfgang Goethe, nella sua opera “Viaggio in Italia” (Italienische Reise, 1813 – 1817).

Nel celebre resoconto letterario del suo viaggio tra le meraviglie d’Italia, Goethe narra che, il 13 settembre 1786 sulla via per Verona, un vento improvviso e fortissimo alzatosi sul Lago di Garda lo costrinse a sostare a Malcesine.

La bellezza del Castello lo colpì a tal punto che cercò un posticino tranquillo dove sostare e ritrarlo con i suoi pennelli, incuriosendo gli abitanti del piccolo borgo. I cittadini lo scambiarono addirittura per una spia, causando un equivoco che allo scrittore provocò quasi l’arresto!

Nel suo diario di viaggiatore, Goethe riportò così la bellezza di Malcesine, incontrata per un caso fortuito e mai più scordata:

Stasera avrei potuto raggiungere Verona, ma mi sarei lasciato sfuggire una meraviglia della natura, uno spettacolo incantevole, il lago di Garda; non ho voluto perderlo, e sono stato magnificamente ricompensato di tale diversione.” – Goethe

Cosa vedere al Castello di Malcesine

All’interno del Castello Scaligero possiamo ammirare oggi un busto e un museo dedicati a Goethe, in cui sono custoditi alcuni dei suoi disegni di Malcesine.

Ma questo non è l’unico museo che è possibile visitare nel Castello: i turisti possono infatti contemplare il Museo di Storia Naturale del Garda e del Baldo e il Museo della pesca e delle galee veneziane.

Il Museo di storia naturale, in particolare, è stato rinnovato nel 2008 ed ora consente al visitatore un’esperienza multimediale considerevole.

Uscendo dal museo di storia naturale si arriva ad un cortile, in fondo al quale si trova un poggiolo che si erge a picco sul lago, ad un’altezza di 24 metri. Da questa terrazza si gode una vista panoramica che non ha eguali in tutto il Lago di Garda.

Dal cortile del Rivellino, invece, si ha una visuale che raccoglie sia il borgo di Malcesine, sia il lago di Garda che il fianco del Monte Baldo.

La Torre del Castello che svetta su Malcesine, con forma pentagonale ma irregolare, è visitabile. L’accesso alla torre si trova al piano superiore, dove è situata anche una Sala congressi, inaugurata nel 1989.

Questa splendida sala può accogliere circa 150 persone ed al suo interno ospita spesso mostre, convegni, corsi e, soprattutto negli ultimi anni, molti matrimoni!

Gli ingredienti per un romantico matrimonio da fiaba a Malcesine ci sono davvero tutti: un castello medievale dalla struttura regale, arroccato su uno sperone di roccia ai cui piedi si trova un borgo raccolto e pittoresco, a cui si può giungere anche navigando le docili acque del lago di Garda.

La magia della visita di questo castello sta nell’attraversare i massicci portoni scaligeri, salire e scendere le antiche scale, ammirare i pregevoli affreschi tuttora visibili sulle mura del forte, ma soprattutto nell’immaginare la vita che si svolgeva all’interno del castello e nelle sue segrete.

Orari e prezzi

Orari di apertura del Castello

Il Castello di Malcesine è aperto dall’inizio della primavera fino a novembre, tutti i giorni, con orario continuato dalle 9,30 alle 18,30.

Biglietti di ingresso

Il prezzo del biglietto di accesso per il 2018 è di 6,00€ per gli adulti, ridotto a 5,00€ per over 65, studenti, possessori di card Provincia o soci Touring Club, 3,00€ per i bambini sopra i 6 anni e 5,00 € per le comitive di più di 10 persone.

La visita del Castello di Malcesine è gratuita per i bambini di età inferiore ai 6 anni, per i residenti e per gli insegnanti accompagnatori (massimo 1 ogni 10 paganti).